L’Ombra di Antigone

La Comunità Emmanuel nasce a Lecce nel Natale del 1980 ad opera di un gruppo di Volontari accompagnati da p. Mario Marafioti s.j. per dare risposte concrete al grido degli ultimi.

In questi 40 anni, da Lecce la Comunità Emmanuel si è aperta al territorio nazionale (Piemonte, Lombardia, Campania, Lazio, Basilicata, Calabria, Sicilia) ed internazionale (Albania, Egitto, Ecuador,…) dando risposte concrete attraverso servizi di accoglienza e promozione umana e sociale.

Attualmente siamo organizzati in 6 settori di intervento: DipendenzeFamiglia e Minori, Salute e Disabilità MentaleMigrazioni e Sud del Mondo, Impresa Sociale Diakonia.

In occasione del 40° anniversario della nostra nascita, stiamo organizzando una serie di incontri sul territorio nazionale, volti a rafforzare i legami territoriali e a dare voce alle istanze degli ultimi.

Sabato 29 febbraio p.v. a Lecce, il Settore Migrazioni e Sud del Mondo, impegnato in servizi di Accoglienza rivolti a cittadini Richiedenti Asilo e Rifugiati, ha organizzato una riflessione dal tema: “Migrazioni: l’ombra di Antigone”, volto a individuare strumenti concreti di dialogo tra cittadinanza ed Istituzioni.

Nella prima parte del mattino si sono susseguite varie testimonianze di relatori illustri come Elly Schlein, Fulvio Vassallo, Nancy Porsia, Stefano Galieni, Antonio Ciniero.
Si è sottolineato l’esigenza di superare il regolamento di Dublino e di eliminare i decreti sicurezza a livello nazionale denunciando l’inutilità dei CPR.
La giornalista Nancy Porsia ha descritto nel dettaglio la situazione libica e ha invitato a considerare i libici come persone e non solo come aspetto geopolitico.
Il professore Antonio Ciniero ha ripercorso la vicendo dello sbarco massiccio degli albanesi in Italia nei primi anni novanta, ricordando che, in questo frangente venne istituita l’idea di campo, il CPT (centro di permanenza temporaneo).
L’incontro pomeridiano alle ore 17,00 presso il Centro Le Sorgenti – Istituto di Medicina Spirituale “Ignazio di Loyola” a Lecce; è stato il momento di restituzione alla cittadinanza, alle Autorità ed ai Rappresentanti delle Istituzioni di un Report, realizzato nella mattinata attraverso un Open Space in cui sono stati coinvolti Docenti, Associazioni, Giornalisti, Cittadini chiamati in uno spazio di condivisione ad elaborare un “prontuario” di buone pratiche sulle migrazioni da realizzare nel nostro territorio, anche alla luce di esperienze già realizzate in altri contesti e promuovere senso di responsabilità individuale e collettiva sul tema delle Migrazioni, dell’Accoglienza e dell’Inclusione sociale.

GUARDA il video completo della manifestazione

GUARDA l’Instant Report dell’Open Space